Metodo A’SAP: sistema di pulizia enzimatica della PCR

 

L’intera gamma di prodotti della ArticZymes deriva da organismi che sono adattati ed abitano le fredde acque Artiche al largo delle coste della Norvegia.

L’utilizzo di questi organismi applicati alla biotecnologia porta con sé il vantaggio di alta specificità e ottima attività degli enzimi anche a basse temperature, con conseguenti benefici nel flusso di lavoro.

La novità introdotta dalla ArticZymes, nel mondo della biologia, ha portato al suo coinvolgimento nel prestigioso progetto: “Viral Metagenomics for Innovation Value”, finanziato del ben noto programma Horizon 2020.

Punta di diamante dei prodotti dell’azienda norvegese è il sistema di pulizia enzimatica della PCR: il metodo A’SAP. L’utilizzo di questa mix assicura una completa defosforilazione dei dNTPs e la degradazione dei residui di primer, consentendo alle applicazioni a valle, come sequencing o genotipizzazione, di eliminare nucleotidi e primers in eccesso che possono dare interferenze producendo un background nelle analisi e interpretazione dei dati.

Caratterictiche del prodotto:

  • Basato su due enzimi idrolitici, recombinant Shrimp Alkaline Phosphatase (rSAP) e Exonuclease I (Exo I).
  • Rimuove l’eccesso di Primers e dNTPs.
  • Protocollo rapido di soli 15 minuti.
  • Può essere aggiunto direttamente al prodotto di PCR.
  • I reagenti sono attivi nei più comuni buffer.
  • Recupera il 100% del campione.
  • Adattabile a differenti volumi di reazione.
  • Non interferisce con le applicazioni a valle.
  • Facile da utilizzare in contesti automatizzati.

 

Per avere più informazioni sui prodotti della ArticZymes clicca qui